domenica 4 marzo 2012

Peka day


e siamo di nuovo qui, a un passo dal confine tra Umbria e Marche, a due passi da Gubbio, oggi un bel sole ci ha accolto in terra umbra, sottili ciocchi di legna scoppiettano nel camino, già a metà  pomeriggio comincia la lunga preparazione, ma oggi è un po’ diverso, stasera saremo tanti rispetto al solito, saremo undici ed io sono appena arrivata da Bologna con un po’ di malinconia addosso, proprio ieri la notizia dell’improvvisa scomparsa di Lucio Dalla è piombata sull’Italia e sulla sua, la nostra,  Bologna lasciando tutti di stucco, è un po’ come se all’improvviso venisse giù una delle due torri, era un pezzo di città


. la sera arriva presto, le verdure tagliate sono pronte, laroma delle erbe aromatiche impregna laria, riempie una stanza in cui cisterne di acciaio piene di miele riposano, vecchie arnie che hanno ospitato api operose osservano, in pile ordinate, colorate e silenziose la cupola ricoperta di braci; grandi setacci di ferro abbracciati da una fascia di legno consunto pendono dal soffitto e il cielo li fuori è diventato un limpido manto stellato, è una serata che sa di primavera, la primavera che ancora deve sbocciare ma già ci fa l’occhiolino , decidiamo di mangiare tutti li, la peka li accanto compie la sua piccola magia,  la ricetta
è sempre la stessa stappiamo il vino fresco, tagliamo una fila di pane fragrante arrivato da Roma, come gli amici che stasera cenano con noi. Sembra che unatmosfera daltri tempi pervada tutto, secondo me un posto come questo, con questatmosfera e queste stelle a Lucio Dalla sarebbe piaciuta, una chitarra comincia a suonare e una voce bellissima a cantare, e tra le altre non possono non risuonare anche le note delle sue canzoni;



le note delle sue canzoni hanno cominciato a risuonare ovunque da subito, dalla sua casa in centro a Bologna, dalle macchine di passaggio, dalle radio qualcuno stasera, tra un boccone di polpo e un bicchiere di vino si chiede come sarebbe se esistesse il paradiso e Dalla guardasse da lassù questItalia che lo saluta e tutte le tavole intorno alle quali, stasera, tutti cantiamo le sue canzoni.
Ciao Lucio





5 commenti:

  1. Cara Simona,
    eccomi come promesso! Stamattina per prima cosa ho acceso il pc e son venuta a trovarti nel "tuo spazio"... e sorpresa! il racconto appena pubblicato di una splendida serata in vostra compagnia, di quelle che si ricordano negli anni, grazie per la vostra ospitalità, siamo stati così bene che già pensiamo ad un prossimo "peka day"!!!
    baci, Betta

    RispondiElimina
  2. Cara Betta, è stato un piacere e davvero una bellissima serata...ormai è ufficiale, abbiamo istituito il "peka day"
    a presto
    Simo

    RispondiElimina
  3. Ciao Simona,ciao Fabio.
    Un giorno ho pensato a come passare una bella giornata con voi e i miei amici per trasmettere l'emozione della Peka... della sua preparazione e del suo profumo! Bene, la serata trascorsa da poche ore mi riempie di gioia, spero di aver fatto una cosa che per un momento ci ha fatto stare vicini con le note di Lucio suonate dal mio amico Luigi.
    Maurizio

    RispondiElimina
  4. Una grande idea, una bellissima serata e la voce di Luigi è stato un dono stupendo....a proposito, per chi ancora non li conoscesse, potete seguire la "Piccola orchestra popolare CANTO D'INIZIO" su youtube e facebook, trovate il banner nella home page del blog ;)

    RispondiElimina
  5. Mi piace molto il tuo blog, appena scoperto, ti seguo con piacere! A presto
    Claudia
    http://petitecuilliere.blogspot.com/

    RispondiElimina

I vostri commenti arricchiscono questo blog, scrivetemi, provate le ricette e fatemi sapere com'è andata o anche solo per un saluto al volo on line